26 Ottobre 2016

Fotografo matrimonio Bari, Luca Molinari racconta la giornata di un matrimonio Home Email

Written by Paolo. Categories: Reportage di nozze Tags: matrimonio bari, fotografo matrimonio Bari

fotografo matrimonio bari Luca molinariFotografo matrimonio Bari, Un vero e proprio racconto a puntate realizzato dal fotografo di Bari Luca Molinari, il racconto di un matrimonio utilizzando 14 fotografie di 14 matrimoni diversi per raccontare dettagliatamente la giornata di un fotografo reportage.


Se... durante le serate estive di quest'anno, la parola d'ordine era "andiamo a comandare", sulle bacheche social di moltissimi fotografi matrimonialisti compariva ad ogni post pubblicato come tormentone "andiamo a raccontare".
In effetti per un fotografo realizzare un reportage di nozze vuol dire, raccontare il giorno del matrimonio di una coppia di sposi.
Ma se molti fotografi professionisti si limitavano a postare una foto per comunicare agli amici che erano ad un matrimonio, Luca Molinari Fotografo di Bari città è andato oltre la pubblicazione di una semplice foto, ma sul suo profilo social ha pubblicato per 14 giorni di seguito, una foto tratta da 14 matrimoni diversi illustrando in ogni foto un momento particolare della giornata di un matrimonio, il risultato è stato quello di raccontare dettagliatamente la giornata tipo di un suo matrimonio.
Ogni giorno una fotografia nuova, ogni giorno una descrizione dettagliata di quello che stavano vivendo gli sposi e di quello che fa un fotografo per realizzare un reportage di nozze.
Il matrimonio visto attraverso gli occhi del fotografo
1/14 La giornata comincia molto presto:
Sveglia, caffè, doccia, caffè, ultima controllata all'attrezzatura, caffè, pronti per uscire... ma non prima di un altro caffè!
Lo sposo (con la sua famiglia), è quello più "penalizzato".
E' costretto a prepararsi con molto anticipo, di quanto sia necessario.
Questo per permettere a me e il mio staff, di riprendere i momenti della sua preparazione, per poi avere il tempo di fare altrettanto con la sposa.
Cominciamo con i particolari del suo abito: I gemelli, la cravatta, le scarpe... e lo seguiamo in tutti i momenti della vestizione.
Invitiamo i familiari, ad aiutarlo a indossare l'abito. Questo è (spesso), un momento di grande commozione, soprattutto per le mamme, che guardano il proprio figliolo, come se stesse per partire per una missione suicida
... oppure di grande ilarità, specie quando ci sono anche gli amici, che non perdono occasione per ricordargli che questi sono gli ultimi istanti di libertà! (anche se sappiamo tutti, che si tratta di un luogo comune!)
Sebbene tentiamo di nasconderlo, per noi fotografi, sono momenti febbrili.... Il tempo scorre inesorabile, la sposa è impaziente... e anche il prete, non ama molto i ritardi.

fotografo matrimonio Bari 1Fotografo matrimonio Bari Luca Molinari

2/14...lasciamo la casa dello sposo, già accaldati e trafelati.
Il tragitto fino a casa della sposa, è una sfida al tempo e al codice della strada. Il traffico non perdona (ma dove diavolo vanno tutti alle 9.00 di mattina? )
Nel frattempo, preghiamo tutti i santi del paradiso, di farci trovare subito un parcheggio, magari vicino. Ne troviamo uno a cavallo tra un passo carrabile e un cassonetto dell'immondizia, e mi chiedo sempre perché non ho mai imparato a guidare la moto.
Cerchiamo di ricomporci, e irrompiamo a casa della sposa.
Tra parrucchieri, estetisti, aiutanti e relative attrezzature, sembra di essere in zona di guerra, e muoverci senza essere di ulteriore intralcio, è un'impresa...
Mentre gli addetti al trucco e parrucco, ultimano il loro lavoro, cerchiamo di "rubare" qualche ripresa da reportage e ci dedichiamo ai particolari:
L'abito appeso (spero sempre che ci sia da sfruttare qualcosa di diverso dal solito armadio), i fiori, le scarpe e gli accessori, gli anelli...
Finalmente, la sposa è pronta e si concede a qualche scatto in vestaglia, (le più audaci anche in lingerie, per scatti da regalare allo sposo).
Rimane solo il parrucchiere, che, aspettando il nostro via libera per sistemare il velo, ci osserva con la stessa espressione di un'avvoltoio che aspetta la sua preda... :-D
Poi si vendica, rubandoci tempo prezioso per fare i suoi scatti con il cellulare da pubblicare sulla sua pagina!
Intanto si è fatto tardi! L'orologio sembra vada più in fretta del solito, e noi, abbiamo ancora da lavorare... (tanto, poi la colpa dei ritardi, è sempre del fotografo!)
Se siamo fortunati, oltre alla sposa, ci saranno solo i familiari e i testimoni... se siamo fortunati!.... quasi mai!!
Arriveranno a casa della sposa, tutte le amiche, i parenti, le zie e persino le vicine di casa... tutti che vorranno essere i primi a vedere la sposa!!
AIUTO!!!!! Lasciateci lavorare!!!!
Inutili le preghiere che faccio alle spose, di raccomandarsi con parenti e amici di evitare di venire in casa....
Una perdita di tempo inutile, a salutarsi come se non ci fosse un domani!
(so che ora rischio di diventare impopolare, ma vi ho promesso un racconto obiettivo! ;-) )
Il più delle volte, con le spose collaborative, riusciamo a rimanere soli con loro e fare il nostro dovere. altre volte, no :-(
Arriva la suocera con il bouquet. Facciamo le canoniche foto di rito e siamo pronti per uscire...

fotografo Matrimonio bari 2Fotografo matrimonio Bari Luca Molinari

3/14....ormai il caldo ha preso il sopravvento.
Scendiamo le scale velocemente, per avere il tempo di riprendere anche i dettagli degli addobbi floreali.
La sposa sta per scendere a braccetto del padre.
L'attesa è febbrile.
Immagino il prete che già mi sta "pensando" intensamente.
Nel frattempo, sull'uscio del portone, si sta formando un nutrito capannello di gente.
Molti sono solo passanti, ma tutti armati di cellulare o (nella peggiore delle ipotesi), di tablet da 23 pollici con cover fucsia fluorescente.
Cerchiamo di dribblare e disciplinare i curiosi.
Ringhio alla signora over size in tenuta da mare, di spostarsi di qualche decina di metri e ricevo in cambio un'occhiataccia.
Ecco la sposa che scende l'ultima rampa di scale e si dispone al centro del tappeto.
Già sono pronto a rispondere alla domanda del padre della sposa, che puntualmente, e nonostante abbia già sposato altri figli, ha dimenticato tutto e mi chiede da che lato deve posizionarsi. :-D
(una volta per tutte... la sposa, si posiziona alla destra di chi l'accompagna all'altare, ed esce dalla chiesa, alla destra del marito.
Il perché, ve lo spiegherò un'altra volta ;-) ).
In questa fase, il più delle volte, la sposa ha realizzato il tremendo ritardo di ben 10 minuti, e (se già non lo è) entra in fibrillazione ed è pronta a mandare a fa....re un giro, chiunque possa rappresentare un minimo ostacolo tra lei e l'arrivo in chiesa! :-D
L'uscita dal portone del condominio è sempre accompagnato da un applauso.
Anche dai condomini, che per l'occasione hanno colonizzato i balconi dello stabile.
Mi è capitato anche di assistere al taglio del nastro, volo di palloncini gonfiati a elio, tappeto di petali al passaggio della sposa (a cura di piccole damigelle) e lancio anticipato del riso.
Un consiglio per gli ospiti:
Il lancio del riso, in questa occasione, non è molto gradito dalla sposa, in quanto si infilerà dappertutto, e lei vi "penserà amorevolmente", mentre cercherà di toglierlo dalla scollatura e dall'acconciatura appena fatta, durante tutto il tragitto per la chiesa.
Riusciamo a fare entrare la sposa in auto.
Dopo brevi e precise istruzioni, date all'autista, Ci avviamo verso il luogo della cerimonia.

fotografo reportage matrimonio BariFotografo matrimonio Bari Luca Molinari

4/14...Corriamo in mezzo al traffico.
Sembra una gara a chi arriva primo tra noi e l'auto della sposa.
La lista dei Santi che vengono nominati, si allunga sempre di più.
L'autoradio, parte in automatico con la colonna sonora di Mission Impossible, (o forse suona solo nelle mie orecchie).
Il codice della strada, ormai è di nostra libera interpretazione,
mantenendo nel contempo, lucidità e buon senso per la sicurezza, nostra... e del vecchietto che ci precede e ha deciso di prendere proprio oggi l'auto dopo 15 anni, e non si ricorda come si mette la terza!
Dobbiamo avere il tempo di:
Trovare un qualsiasi posto dove parcheggiare l'auto,
scaricare l'attrezzatura,
correre a piazzare le luci (se ce ne fosse bisogno)
Fare qualche scatto allo sposo, da solo davanti all'altare
e magari riuscire a farne anche uno, (almeno) con la mamma.
Il prete ora sa che faccia ho, e quindi verso chi dirigere i propri pensieri.
Cerco di giustificare il ritardo, ma questo non mi esonera dal ricevere una battuta sarcastica, appena inizia la messa! :-D
Torno sul sagrato, nel frattempo è arrivata la sposa e si appresta a scendere dall'auto.
Subito si avvicina lei... Zia Concetta.
La solita zia di secondo grado che si sente in dovere di dover "aggiustare" l'abito della sposa ogni secondo, entrando sempre nell'inquadratura dei miei videografi.
Ma la zia Concetta, ha anche un marito... lo zio Pino.
Lo zio Pino, è il fotografo di famiglia.
Quello che si autoproclama fotografo ufficiale di ogni evento di famiglia... e l'EVENTO per antonomasia, in una famiglia è il matrimonio.
Doppia ogni mio scatto, mi perseguita per tutta la giornata, mi tiene d'occhio, pronto a cogliere un mio attimo di cedimento per glorificarsi con i gli altri parenti.
Affetto dalla sindrome del pescatore, mi sfida con gli occhi a chi ha l'obiettivo più grosso! :-D
L'organo a canne, inizia già a intonare la marcia nuziale.
La sposa, al braccio del papà, si avvicina al portale di ingresso.
Mi faccio largo tra i parenti che affollano l'ingresso e armeggiano con i telefonini... vorrebbero fare le foto alla sposa, ma il forte controluce glielo impedisce e loro si ostinano e non capiscono, ma non si spostano di un millimetro...
Allora, chiedo loro di accomodarsi tra i banchi e lasciare libera la navata centrale... "gentilmente", per le prime due volte.... un po' meno "gentilmente", dalla terza!  3:-)
Scatto anch'io le foto dell'ingresso della sposa, mentre entra. la cerimonia può iniziare!

fotografo matrimonio Bari 5Fotografo matrimonio Bari Luca Molinari

5/14...la sposa, visibilmente tesa e impacciata, percorre la navata con gli occhi fissi all'altare.
Io la precedo, camminando all'indietro. Certo di non avere nessuno alle spalle, e invece...
pesto i piedi a un altro zio (cugino di zio Pino), che nel frattempo ha invaso il corridoio centrale, disposto a sacrificare il suo alluce, in nome del suo video girato rigorosamente in verticale col telefonino da 0,5 Mpx...
... nel tentativo di limitare il danno, mi sposto, ma urto proprio il gomito di zio Pino che mi guarda infastidito, forse perchè per colpa mia non vincerà il Pulitzer... :-D
Cerco con gli occhi l'aiuto del mio assistente, che nel frattempo ha già capito e esorta gli invitati a rientrare nei banchi.
Finalmente, verso la metà del corridoio, le cose tornano come dovrebbero essere:
Tutti ai loro posti... con i telefonini alzati.
Mi giro per cogliere l'espressione emozionata dello sposo, poi mi posiziono sul presbiterio, accanto al prete che nel frattempo scruta il suo orologio.
Il corteo nuziale arriva ai piedi dell'altare. Il papà saluta lo sposo e gli "consegna" sua figlia (come vuole la tradizione).
Ancora due foto, prima di lasciare l'altare. Gli scatti fatti agli sposi che si guardano emozionati, sono irripetibili!...
Tiriamo tutti un sospiro di sollievo... ce l'abbiamo fatta!
Un'altra sposa portata all'altare! Missione compiuta!...
<< Nel nome del Padre, del Figlio, e dello Spirito Santo.... Finalmente, e grazie alla velocità del nostro fotografo, siamo oggi qui riuniti....>>
<< Ecché-non-te-pareva!... ora mi scomunica in diretta!>>, penso, mentre mi sento gli occhi di tutti, puntati addosso.
Mi accorgo di essere visibilmente accaldato... fuori ci sono 38°, dentro almeno 45°.
La fase iniziale del rito è relativamente calma. Conosco i tempi a memoria.
Prima i riti di introduzione, poi le letture, il Vangelo e l'omelia.
So perfettamente quando, come e cosa fotografare. Consapevole che è un rito religioso, e non uno spettacolo.
Anche gli sposi, sono consapevoli che non mi è permesso muovermi liberamente e scattare foto a qualunque cosa si muova, ne abbiamo già parlato durante le fasi organizzative!
Tuttavia, percorro con discrezione e passo felpato, il perimetro interno della chiesa, alla ricerca di prospettive e giochi di luce.
Rubo qualche espressione tra gli invitati (poco) attenti alla cerimonia...
approfitto dell'omelia, che è un momento in cui il prete non vuole vedermi nemmeno da lontano, per riprendere i particolari esterni:
Gli addobbi, le decorazioni del portale, una bella panoramica della facciata della chiesa...
Ho imparato a cogliere le inflessioni dei celebranti durante l'omelia... quando mi accorgo che sta per terminare, mi avvicino all'altare.
Lo scambio delle promesse e degli anelli è prossimo, e io sono pronto a muovermi verso gli sposi: E' l'unico momento in cui mi è permesso di salire sul presbiterio.
Anche lo zio Pino, che ha notato i miei movimenti, si avvicina furtivo brandendo il meglio del suo corredo fotografico.
Lo fulmino con lo sguardo, ma lui, serafico, si avvicina ancora.

fotografo matrimonio Bari 3Fotografo matrimonio Bari Luca Molinari

6/14...Tutti si alzano. Il sacerdote inizia la formula per lo scambio delle promesse. Io e il videografo ci avviciniamo ai suoi fianchi, tesi come corde di violino, e con tutti i sensi all'erta.
Non posso sbagliare! Questo momento è irripetibile e non ho una seconda possibilità.
Sono così concentrato che non mi interessa nemmeno dello zio Pino che, quatto quatto, si è avvicinato ancora di più.
Gli sposi rispondono alle domande del sacerdote…
“Paolo e Francesca, siete venuti a contrarre matrimonio, senza alcuna costrizione e in piena libertà…..”
Con il mio occhio premuto contro l’oculare ho già calcolato la giusta esposizione.
Seguo i movimenti del sacerdote, in quanto non mi è dato di sapere a chi dei due porgerà per primo il microfono per la risposta.
Sono solo frazioni di secondo, appena sufficienti a mettere a fuoco.
Con la precisione e la sicurezza di un cecchino, uno dopo l’altro “sparo i miei colpi”
Anche questa volta, centri perfetti!.  B-)
Prendo fiato, nel momento in cui si benedicono gli anelli, le espressioni degli sposi sono già più distese, ma non è ancora finita!
Lo sposo prende l’anello, recita la formula, e lo infila con calma all’anulare sinistro di sua moglie.
Tocca alla sposa… con molta meno calma, 1 volta su tre, lei sbaglia mano e infila l’anello alla mano destra.
1 volta su tre, sono l’unico che se ne accorge. :-D
Il prete continua con il rito… “Da questo momento, siete marito e moglie!!”
E’ Fatta!!
Gli invitati esplodono in un applauso scrosciante e liberatorio…
Notiamo i genitori che, commossi, si asciugano gli occhi,
Ora, gli sposi sono molto più rilassati, e talvolta si lasciano andare a baci e tenerezze.
Amo riprendere questi momenti, la spontaneità dei gesti ha un che di magico….
altre volte, (per esigenze di copione), siamo costretti a suggerire un bacio o un gesto tenero, ma l’effetto è quasi disastroso, e gli sposi, lo fanno come se ci facessero un favore! :-D
Lasciamo l’altare, mentre il prete conclude il rito nuziale e poi prosegue con la celebrazione.
Dopo il termine della messa, le firme e le foto di rito, siamo pronti per l’uscita… quasi!

reportage nozze BariFotografo matrimonio Bari Luca Molinari

7/14... I parenti si accalcano ai piedi dell’altare. Tutti devono essere i primi a fare gli auguri agli sposi.
Inutili le mie richieste di aspettare fuori, sul sagrato. Loro non possono aspettare… devono farli subito questi auguri!!
La perpetua borbotta per farci liberare la chiesa e permetterle di riassettare, e quasi sempre, si inventa un imminente funerale da celebrare di lì a poco… anche se sono le 12 e mezza!
Finalmente riusciamo a convincere i più reticenti ad accomodarsi fuori e attendere l’uscita degli sposi per il lancio del riso.
Qualche altro scatto mentre la coppia avanza verso l’uscita, poi mi avvio velocemente verso l’esterno.
Come al solito mi trovo un muro di gente… cerco di farmi spazio e creare ordine formando un “corridoio” tra gli invitati.
Cerco di dare istruzioni a gran voce. Dovrei sovrastare il vociare di tutti i presenti, ma il caldo e la tensione, mi hanno seccato la gola.
Faccio uno sforzo, e alla fine riesco a farmi ascoltare… mi dispongo al centro, ma capito proprio davanti a zio Pino, il quale, questa volta, mi batte sulla spalla e mi chiede di spostarmi.
Fingendo di scherzare, ma con decisione, gli rispondo: “Forse è meglio che sia lei a spostarsi, perchè io da qui non mi muovo!”
Gli sposi, nel frattempo, sono arrivati sull’uscio del portale e la perpetua è già pronta a richiuderlo alle loro spalle, non sia mai dovesse entrare qualche chicco di riso in chiesa, che poi lei debba essere costretta a ripulire.
Al mio cenno, gli sposi avanzano e subito si ritrovano sotto una pioggia di riso e coriandoli.
Qualche amico buontempone, cerca di svuotare un sacchetto intero nel colletto dello sposo o nella scollatura dell’abito della sposa.
Esco dalla calca che si è formata attorno alla coppia, e scatto delle foto di questi momenti, puntando l’obiettivo, in puro stile reportage.
Una foto che cerco di non farmi mai mancare, è quella di gruppo con gli sposi al centro e tutti i parenti e amici presenti.
Sistemare il gruppone, è un’impresa titanica, ma alla fine ce la faccio con grande soddisfazione…
Lascio gli sposi, ancora per qualche minuto, tranquilli con gli invitati, poi ci avviamo per la location scelta per qualche ripresa. Le prime da sposati!

fotografo Matrimonio Bari 6Fotografo matrimonio Bari Luca Molinari

8/14...Lasciamo la chiesa, ancora territorio dei parenti che si vedono solo in queste occasioni, e ne approfittano per aggiornarsi a vicenda sugli avvenimenti di famiglia degli ultimi 5 anni… :-D
Gli sposi, ora, possono finalmente rilassarsi, dopo la tensione accumulata negli ultimi giorni e soprattutto nelle ultime ore!
Anche io, mi sento più rilassato.
Fino ad ora ero legato agli orari e alle rigide regole di comportamento all'interno della chiesa. Ora, invece, possiamo dare spazio alla creatività e in tutta tranquillità.
Raggiungiamo la location scelta per le foto… abbiamo seminato lo zio Pino, ma…
qualche goccia di pioggia inizia a cadere.
Questa volta, le previsioni del tempo, sono state reali. Si tratta solo di un breve acquazzone estivo, Ma io non mi sono fatto cogliere di sorpresa e ho già pronto il mio “piano B”.
“Tranquilli, ragazzi!”, rassicuro gli sposi, “so già cosa fare”...
così, quello che poteva essere un problema, gioca a mio favore e il risultato è stupefacente!
Intanto, comincio ad avvertire qualche disagio e lo stesso vale per i miei collaboratori. In effetti siamo fuori casa da quasi sette ore, e non abbiamo ancora avuto la possibilità di usare un bagno e reintegrare i liquidi!
Ma al momento non ce ne curiamo e proseguiamo nel nostro lavoro.
Continuiamo a “giocare” con gli sposi, che non si rendono conto del tempo che passa.
“Oggi ho proprio deciso di fare arrabbiare qualcuno!”, scherzo con gli sposi, riferendomi al direttore di sala che si era raccomandato a loro di non arrivare in ritardo.
Ok, ora dobbiamo proprio andare, gli ospiti ci attendono in sala e per me c’è ancora molto da fare!...

fotografo matrimonio Bari 4Fotografo matrimonio Bari Luca Molinari

9/14…. Arriviamo in sala, e ci accoglie il direttore della struttura, rimproverandomi per il ritardo, (anche lui…
Ma tanto, per i responsabili di sala, gli sposi sono sempre in ritardo, e sempre per colpa dei fotografi, anche quando non è vero!
Aiuta gli sposi a scendere dalla macchina e con un cenno, fa avvicinare i camerieri con i vassoi per un piccolo brindisi.
Raggiungiamo il luogo dove verrà servito l’aperitivo e l’antipasto esterno.
Qualche scatto all’accoglienza degli sposi da parte degli ospiti, e sono già alla ricerca del luogo ideale dove scattare le foto ricordo da consegnare agli invitati.
Il direttore, mi comunica che da quel momento ho 15 minuti per organizzarmi…
Giusto il tempo di usufruire, finalmente, di un bagno… (dopo ben 8 ore, un momento… “liberatorio” )
Raggiungo nuovamente la zona aperitivi, dove gli invitati si stanno ancora avventando sul buffet, come se non ci fosse un domani :-D
Gli sposi sono ancora al loro tavolo, accerchiati dagli invitati. Li lascio ancora tranquilli a rifocillarsi… IO...
Mentre zio Pino, che invece ha campo libero non avendo me tra i piedi, si sbizzarrisce con i suoi scatti “spontanei”, puntando l’obiettivo a qualunque cosa si muova e soprattutto agli sposi che, pazienti, lo assecondano…
Il tempo è scaduto, il direttore si avvicina agli sposi e li invita a raggiungermi al luogo che ho scelto per le foto con i parenti e amici.
E’ un momento lungo e faticoso, soprattutto per gli sposi che sono costretti a restare fermi e in piedi per almeno mezz’ora, mentre si avvicendano i vari nuclei familiari per la classica foto…
Chi fa loro, ancora una volta gli auguri…
Chi consegna allo sposo, la busta con il regalo, con atteggiamento losco, come se stesse passando una mazzetta…
e chi invece lo fa in maniera teatrale! :-D
Per ogni foto, sistemo il gruppo: Sono attento affinché siano tutti ordinati, senza pieghe strane agli abiti, con i nodi delle cravatte ben dritti, senza occhiali da sole, e soprattutto con gli occhi aperti!
Il giudizio delle signore, sarà spietato, e in quella foto mi gioco la credibilità! :-D :-D
Terminata questa simpatica tortura, il direttore ci scorta fino alla sala principale, dove si svolgerà il resto del ricevimento.
Li precediamo di poco. Il tempo di sistemarci di fronte alla grande porta per riprendere il loro ingresso.
Le ragazze nubili, (come tradizione), si sono già schierate formando un corridoio, collegate tra loro, da un lato all’altro, da un lungo nastro bianco disposto a zig-zag.
Il DJ, con le casse a volume altissimo, annunciano l’ingresso ufficiale degli sposi, i quali entrano trionfalmente tra gli applausi degli invitati e la musica già assordante.
Li seguiamo mentre tagliano il nastro, e poi fino al loro tavolo dove il direttore li fa accomodare, dando il via al pranzo!

fotografo matrimonio Bari 7Fotografo matrimonio Bari Luca Molinari

10/14...le portate degli antipasti si susseguono.
I camerieri si muovono rapidi tra i tavoli, scansando abilmente i bambini che si rincorrono a briglia sciolta.
Il Dj ha messo un po’ di musica di sottofondo, ma il vociare confuso degli ospiti, è più alto..
Io sono ancora indaffarato.. controllo l’ingresso in attesa del corriere del laboratorio fotografico, al quale consegnerò la scheda con le foto da far stampare, per la consegna in serata.
Controllo le batterie delle fotocamere e nel caso le sostituisco con altre cariche.
Mi accordo con il direttore e il leader del gruppo musicale, per gli orari della tabella di marcia e per informarmi su eventuali “sorprese” riservate agli sposi e delle quali devo essere messo a conoscenza per prepararmi per tempo.
Poi, finalmente, ci concediamo qualche minuto di relax. Scambio di convenevoli con il gruppo… per fortuna abbiamo già avuto modo di lavorare insieme, e c’è già una certa amichevole confidenza. La giornata passerà più serena!
Le caraffe di acqua si svuotano rapidamente, prontamente sostituite dal personale di sala.
Ogni tanto, dal tavolo degli amici, qualcuno urla il classico “UN APPLAUSO PER GLI SPOSI!!!”
Seguito, per l’appunto, dall’applauso di tutti gli invitati. :-D
La cantante ci avvisa che sono pronti per partire con il PRIMO BALLO UFFICIALE.
Quello che darà il via alle danze.
Ci alziamo tutti, e raggiungiamo lentamente la zona della consolle. Punto strategico da cui si domina tutta la sala.
Distrattamente, mi posiziono proprio davanti a un diffusore e quel gran simpaticone del vocalist, con il volume alzato come se fosse allo stadio di San Siro al concerto di Vasco Rossi, chiama gli sposi al centro della pista da ballo, mentre partono le prime note della “loro canzone”.
L’attacco di labirintite che avverto, mi fa quasi perdere l’equilibrio. Lo ringrazio con un’occhiata e faccio in modo che legga bene il mio labiale...  :-D :-D
Gli sposi, abbracciati stretti, ondeggiano al ritmo della canzone.
Alcuni, mentre ballano, guardano in giro tra gli invitati, altri cantano insieme guardandosi negli occhi.
Io e il videografo, ruotiamo intorno alla coppia, io ne approfitto per varie inquadrature tra panoramiche e primi piani.
Si avvicina zia Concetta per “aggiustare” lo strascico del vestito della sposa, per fortuna rinuncia, capendo che serve a ben poco… ma ecco che arriva anche zio Pino (che non si lascia certo scappare la ghiotta occasione), ad invadere la pista… a mezzo metro dagli sposi!!!
Gli concedo giusto il tempo di due scatti, per tenerlo contento, poi gli chiedo di allontanarsi come faccio io.
Cerco di fargli capire una volta per tutte, che altrimenti, gli sposi, avranno lui, come elemento costantemente presente nel loro film.
Mentre le note della canzone sfumano su un altro ballo lento, il vocalist invita le alte coppie a fare compagnia agli sposi.
La musica continua con un ritmo crescente, ma il direttore di sala fa segno di interrompere per dare spazio al servizio.

fotografo Matrimonio bari 8Fotografo matrimonio Bari Luca Molinari

11/14....Il pranzo durerà qualche ora. Due primi (a volte anche tre)... due secondi, intervallati dal sorbetto…. e tra una portata e l’altra… SI BALLA!!!!!
Il gruppo musicale, si adopera per curare il divertimento di amici e parenti..
Canzoni famose, interpretate dal vivo.
Grandi classici intramontabili, in un ritmo sempre crescente.
Gli ospiti si scatenano, alternando girotondi intorno agli sposi e trenini tra i tavoli, cercando di coinvolgere anche quelli rimasti seduti…
Immancabili i balli latino-americani, quelli da fare in gruppo, schierati su più file… anch’essi, diventati ormai dei classici intramontabili.
La musica è assordante. In anni di esperienza, ancora non sono riuscito a trovare una spiegazione plausibile, del motivo per cui il volume delle casse, debba essere sempre altissimo, anche in ambienti relativamente piccoli. Ma sembra che non importi a nessuno. ( solo a me da fastidio? :-D ). So già che nei prossimi giorni mi fischieranno le orecchie!!
Io rimango a distanza di sicurezza, per evitare di essere travolto, girando intorno alla zona ballo. Scatto decine di foto, pur sapendo che tra tutte, ne verranno selezionate solo 4 o 5!
Sono foto che non richiedono una particolare cura. Scattate in puro stile reportagistico…
Durante i balli, quello che ha più importanza è la ripresa video.
Il videografo, infatti, più temerario e per esigenze di ripresa, si tuffa all’interno della mischia.
In questi momenti, con il video,si racconta meglio della fotografia, quanto si sono divertiti tutti.
Le coreografie sgangherate, gli scherzi con gli amici, i cori improbabili…
Ad intervalli di 15-20 minuti, al microfono, si invitano gli ospiti a riprendere posto.
Un’altra portata sta per essere servita, e a breve si ricomincia.
Io, nel frattempo, mi preparo per lo shooting in esterno. Il sole ha raggiunto l’altezza ideale, e tra un po’, la luce sarà perfetta.

fotografo matrimonio bari 9Fotografo matrimonio Bari Luca Molinari

12/14...Un’altra “pausa musicale” è appena iniziata, la sposa si è ritoccata il trucco, mentre lo sposo si rassetta l’abito. Siamo pronti per le foto in esterna.
Spiego sempre, ai miei sposi, che questo momento ha un duplice scopo:
Avere un buon ricordo sfruttando gli scenari che offre la struttura e passare qualche minuto di tranquillità, lontano dal frastuono della festa e dal volume alto della musica.
Soprattutto per il secondo motivo, spesso, gli sposi, mi ringraziano! :-D
Usciamo quasi di nascosto, per evitare di essere intercettati da qualche gruppo di amici che trattiene ancora gli sposi… purtroppo abbiamo i minuti contati, e il sole non aspetta!
Il direttore di sala, ci concede 20 minuti, perché, spiega, dopo dovrà predisporre il servizio per il taglio della torta.
Abbiamo solo 20 minuti!!!
Ci allontaniamo velocemente verso una zona un po’ più isolata, questa volta sono fortunato: Conosco molto bene la location, e mi dirigo, sicuro, verso gli angoli più suggestivi.
Altre volte, quando non conosco la sala ricevimenti, sono costretto a compiere un giro di perlustrazione, prima dell’uscita, per rendermi conto di quello che mi è possibile sfruttare.
Questo è uno di quei momenti in cui chiedo la massima disponibilità della coppia, al fine di avere delle immagini di sicuro effetto. Gli sposi che seguono le mie indicazioni, saranno sicuramente premiate dal risultato.
La passeggiata prosegue senza interruzioni, io e il videografo ci alterniamo in suggerimenti per ottenere delle inquadrature migliori.
La luce calda e bassa del tramonto, offre possibilità di scatti molto suggestivi.
Sono trascorsi solo 10 minuti, e arriva un cameriere ad avvisarci di rientrare… (ma perché vanno sempre così di corsa?)
Ignoriamo l’avviso del cameriere. :-)
Gli sposi sono molto disponibili, ridono e scherzano con noi sereni…
il tempo passa, ma loro non se ne rendono conto.
Ecco che arriva il direttore… questa volta lancia una scherzosa minaccia.
In effetti abbiamo superato (ma di pochissimo), i 20 minuti… ma stavamo lavorando così bene!!!  ^_^
Rientriamo in sala, ma non prima di aver fatto ancora qualche scatto con la luce del crepuscolo.
Intanto i camerieri, stanno già approntando l’angolo dove avverrà il taglio della torta nuziale.

fotografo matrimonio bari 10Fotografo matrimonio Bari Luca Molinari

13/14… In sala, i più irriducibili, continuano a ballare sulle note degli ultimi pezzi in scaletta.
Ormai, sono quasi tutti stanchi, e si avverte nell'aria, che la festa è quasi finita.
Guardo l’orologio, faccio un rapido calcolo e…. caspita!!
Sono già 13 ore che sono fuori casa, in piedi per quasi tutto il tempo e con la macchina fotografica in mano.
Controllo ancora una volta l’equipaggiamento, le batterie sono ancora cariche, la scheda di memoria ha sufficiente spazio per le foto della torta, ma (forse sono un po’ paranoico), ne prendo un’altra da tenere in tasca, pronta all’uso, che non si può mai sapere!
Il direttore ci avvisa che mancano pochi minuti.
Ci avviamo per poter essere i primi ad arrivare. I motivi?
1) Fare qualche scatto per la regolazione ottimale delle luci;
2) Avere la possibilità di riprendere i particolari della torta e dell’allestimento, prima dell'arrivo degli sposi;
3) Battere sul tempo, zio Pino (che altrimenti guadagnerebbe la posizione centrale in prima fila), e tutti gli altri invitati armati di telefonini! :-D
Il direttore fa il suo ingresso, scortando i camerieri che portano la torta e il vassoio con i calici e la bottiglia di spumante, per il brindisi. Poi torna indietro per recuperare gli sposi.
Io e il videografo ci adoperiamo per gli scatti dei particolari, le guarnizioni della torta, il cake topper, le decorazioni del tavolo…
Il vocalist annuncia l’arrivo degli sposi, che entrano, emozionatissimi, anticipati dal direttore che fa loro strada.
Questa volta, sono io che comando tutto, e il direttore cerca un mio cenno di approvazione sul punto in cui far fermare la coppia.
Giusto il tempo di qualche scatto più in stile ritratto... aspetto che spontaneamente si scambino un bacio (ma spesso devo suggerirlo :-) ), poi faccio un cenno al direttore che porge alla coppia il coltello da torta per il taglio!
Qualche altro scatto di questo momento, ancora un bacio (suggerito), ma… ad un certo punto mi sento battere sulla spalla: “scusi, non si può spostare che non vediamo niente?”....
Faccio uno sforzo sovrumano per reprimere l’ondata di rabbia, mi giro e mi limito solo a rispondere (sorridendo a denti stretti), “Non credo sia possibile. Si sposti lei… è così grande qui!”
Torno a rivolgere le mie attenzione agli sposi… ad un mio cenno, il direttore, porge i calici e mesce lo spumante.
Gli sposi si avventurano nel brindisi a braccia incrociate, ma spesso si trasforma in un momento “fantozziano” ai limiti dell’imbarazzante…e alla fine, brindano in modo tradizionale! :-D :-D :-D
Poi, si avvicendano, per il brindisi, prima i genitori e poi i testimoni… giusto il tempo di quelle poche foto canoniche…
Si prosegue verso il buffet di frutta e dolci. Il direttore accompagna gli sposi nel giro “d’ispezione” e gli ospiti, golosi come orsi con il miele, prendono d’assalto i tavoli, “polverizzandoli” in pochi minuti.
Il ricevimento, volge ormai al termine…
Restiamo in attesa del classico lancio del Bouquet.

fotografo Matrimonio Bari11Fotografo matrimonio Bari Luca Molinari

14/14...I tavoli del Gran Buffet di dolci, sono un campo di battaglia.
Là dove fino a poco prima troneggiavano, maestose e appetitose, torte di ogni tipo e di varie forme e colori, ricche guantiere di piccola pasticceria, frutta tagliata e decorata nella maniera più fantasiosa, ora, nei vassoi, rimangono solo dei rimasugli pasticciati e qualche bignè sfuggito all’assalto…
Gli invitati, i più “golosi”, si aggirano ancora tra i tavoli, alla ricerca di un ultimo boccone, e i camerieri, già si adoperano per smantellare gli avanzi.
Approfitto anch’io di questo momento tranquillo, per riordinare la mia attrezzatura.
Controllo tutte le mie borse, che non abbia dimenticato nulla dei “ferri del mestiere”, soprattutto batterie e caricabatterie rimaste collegate a qualche presa di corrente.
Perfino zio Pino, è ormai stanco e ha già riposto la sua reflex. Mentre zia Concetta, che ormai ha rinunciato da tempo a fare l’assistente della sposa, si appresta a salutare gli altri parenti e ringraziare gli sposi per la bella festa.
Il mio orologio e i miei poveri piedi, mi ricordano (come se ce ne fosse bisogno), che sono quasi 15 ore che siamo al lavoro, ma non è ancora finita. Ancora un piccolo sforzo!
Ad un tratto, il DJ, con il solito volume amplificato, annuncia il momento del LANCIO DEL BOUQUET!!!
Invita tutte le ragazze nubili e in età da matrimonio, a raggiungere la pista da ballo.
Io, nel frattempo, mi posizione in un punto ottimale, per avere il massimo della visibilità, e in modo da includere nell’inquadratura, la sposa e le “aspiranti” spose.
Come spesso succede, si assiste a simpatici siparietti, di amici che, ad esempio, cercano di tirare via la propria fidanzata dal gruppo, oppure di intrusi (uomini), che con un tovagliolo in testa a mo’ di foulard, si fingono donne, o altre goliardate!
Il Dj scandisce il conteggio… un classico, è la “finta” della sposa, che al “TRE”, finge di lanciare i fiori alle sue spalle…
Nel frattempo ho già scattato altre 50/60 foto!
La sposa, si decide e lancia il bouquet. Premo il pulsante di scatto, e faccio una raffica di una decina di foto, in modo da avere tutta la sequenza del bouquet che cade proprio al centro del gruppo di ragazze.
Questa volta, la sposa è stata brava, e il tiro è stato preciso!Ci sono spose, però, che non controllano bene il lancio, e allora occorre ripeterlo, perché troppo corto e i fiori finiscono per terra, oppure troppo forte, e bisogna recuperare i fiori, dal fondo della sala! :-D
Ancora qualche scatto alla sposa con la fortunata che ha preso il fiori al volo. Ora è veramente finita…
Approfitto del momento per chiedere agli sposi se hanno ancora bisogno di me. Ormai il ricevimento è terminato e noi abbiamo materiale abbondante per realizzare un racconto completo.
Ci salutiamo calorosamente e con ancora un po’ di commozione… come se fossimo amici di vecchia data. :-)
Gli sposi vengono subito rapiti. Per loro c’è ancora la consegna delle bomboniere e il saluto a tutti gli invitati… uno per uno.
Mi guardo intorno e mi accerto che non ci sia altro da fare… un saluto anche ai genitori degli sposi, ringrazio il direttore che mi ha sopportato e infine gli amici del gruppo musicale…

fotografo matrimonio bari 11Fotografo matrimonio Bari Luca Molinari

Poi, finalmente, spengo la mia fotocamera.

========
THE END
========

altri-articoli

fotografo matrimonio BrindisiReportage matrimonio Brindisi del fotografo Nicola Vitti, Berenice e Vincenzo sposi

Fotografo matrimonio Brindisi. Vedi le foto tratte dal reportage di matrimonio a San Donaci in Provincia di Brindisi, le fotografie sono state realizzate per le nozze di Berenice e Vincenzo dal fotografo Nicola Vitti.

 

 

fotografo matrimonio Lecce 21Fotografo matrimonio Lecce. reportage di nozze nel Salento

Vedi il reportage di nozze realizzato dal fotografo per matrimonio Lecce Studio fotografico professionale Black & White. Reportage di nozze nel Salento del matrimonio di Francesco e Noemi.

 

 

 

fotografi matrimonio taranto 1Reportage di nozze del fotografo per matrimonio della Prov. di Taranto, Graziano Moro

Fotografo matrimonio Taranto, Graziano Moro. .Un bellissima sintesi del reportage di nozze del matrimonio in provincia di Taranto tra Angela e Giuseppe realizzato dal fotografo di Ginosa Graziano Moro e che ha anche avuto il piacere di essere ripreso dalla troupe di Rete Quattro, per realizzare un puntata di "Nuove Scene di un matrimonio"

 

 

fotografo matrimonio firenze reportage Studio Senzaposa 31Fotografo matrimonio Firenze, reportage di nozze realizzato da SenzaPosa Photography Studio

Fotografo matrimonio Firenze. Una splendida selezione di foto tratte dal reportage di nozze del matrimonio di Selvaggia e Niccolò realizzate da SenzaPosa Photography Studio con sede a Firenze.

 

 

 

Immagine

 

 

 

Comments

  • Smileys
  • :confused:
  • :cool:
  • :cry:
  • :laugh:
  • :lol:
  • :normal:
  • :blush:
  • :rolleyes:
  • :sad:
  • :shocked:
  • :sick:
  • :sleeping:
  • :smile:
  • :surprised:
  • :tongue:
  • :unsure:
  • :whistle:
  • :wink:
 
   
 

.::. SposiEventi .::. Galatina .::. 333/4623722 - 331/4210241 .::. P.IVA 02354640753 .::.

Questo sito utilizza cookie per migliore la Sua navigazione Per ulteriori informazioni, La preghiamo di visionare la nostra cookie policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information